“Pietre d’inciampo”: così i nomi della storia tornano in vita

MONTERONI- Memoria, arte e musica. La storia ritorna a vivere così a Monteroni con le “Pietre d’inciampo” . E’ stato inaugurato domenica pomeriggio in piazza il monumento diffuso, ideato dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista.

Si tratta di un progetto nato nel 1995 e che si pone come obiettivo quello di ricucire l’Europa. La definizione Pietre d’inciampo, come spiega l’artista, è stata data da uno studente per far capire che dinanzi a questo monumento non si inciampa con i piedi ma con la testa e il cuore.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*