“Faremo un buon lavoro per Lecce”, parola del commissario Sodano

LECCE- E’ arrivato puntualissimo, alle 16.30, a piedi, accompagnato dai subcommissari prefettizi. Ennio Mario Sodano, ex prefetto di Bologna, ha parole di rassicurazione per la città, sulla soglia di Palazzo Carafa, dove nel pomeriggio si è insediato in qualità di commissario: “faremo un buon lavoro, Lecce lo merita”.

Sarà lui a guidare il Comune in questi mesi, a traghettarlo verso l’appuntamento elettorale di fine maggio. I problemi più urgenti della città – stando a quanto ha riferito ai giornalisti – li conosce già, per averne parlato con i funzionari della Prefettura, non ancora – ha precisato – con il sindaco uscente Carlo Salvemini, in quel momento, per coincidenza, qualche metro più in là, nell’Open Space, per l’appuntamento di Legautonomie.

Una parentesi breve, in fondo, quella di Sodano, 63 anni, origini casertane. Un lavoro necessariamente di squadra quello che lo attende: “i miei subcommissari mi guardano le spalle”, ha detto sorridendo, indicando il viceprefetto Guido Aprea, che ha anche funzioni vicarie; Rosa Maria Simone, dirigente del Servizio Contabilità e Gestione Finanziaria sempre della Prefettura; Marilena Sergi, Dirigente Dell’Area Ordine e Sicurezza Pubblica.

Ad accogliere il commissario c’erano tutti i funzionari comunali al gran completo: Sodano ha fatto il suo ingresso nella stanza del sindaco (guarda il video) . Lì le foto di rito. Poi ha preso posto alla scrivania. Non ha perso altro tempo: ha riunito in sala giunta tutti i dirigenti del Comune per un primo faccia a faccia con loro e per dare il via a questo periodo nuovo per Lecce.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*