Case popolari: anche per Torricelli confermati i domiciliari

LECCE-Antonio Torricelli, ex vice presidente del Consiglio Comunale di Lecce, rimane ai domiciliari. Anche per lui, così come per Monosi, il gip Giovanni Gallo ha rigettato l’istanza di scarcerazione presentata alcuni giorni fa dal suo legale Luigi Covella. Torricelli è agli arresti domiciliari, come Monosi, dallo scorso 6 settembre, coinvolto nell’inchiesta giudiziaria sulla gestione delle case popolari. La difesa aveva chiesto la revoca della misura cautelare in virtù della cessazione delle esigenze cautelari soprattutto in considerazione del fatto che l’esponente del Pd ha rassegnato le dimissioni e di fatto non ha più contatti con Palazzo Carafa. Così come per Monosi, il gip ha ritenuto però che, rispetto al momento dell’arresto, non siano subentrati elementi nuovi tali da poter modificare il quadro accusatorio, e che,  per i rapporti intessuti all’interno in tanti anni di attività, possa comunque esercitare la sua influenza. Al vaglio del giudice anche la richiesta di una revoca in considerazione della sua età avanzata e delle precarie condizioni di salute che, secondo Gallo, non sembrano essere incompatibili con i domiciliari.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*