Muore Silvia Piccinonno, 34enne salentina esponente di Potere al Popolo

LECCE-E’ scomparsa Silvia Piccinonno, 34 anni, attivista noTap ed esponente salentina di Potere al Popolo, nel cui coordinamento nazionale è stata eletta appena un mese fa.

La scorsa notte è improvvisamente venuta a mancare dopo aver lottato contro un tumore, che non le aveva impedito di continuare la sua militanza con i noTap e con Potere al Popolo. Dottoranda del XXXII ciclo del corso di dottorato in Human and Social Sciences, come ricorda Adi (Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani) “è stata una ragazza estremamente attiva nell’ambito dell’associazionismo territoriale ed extraterritoriale. Il suo progetto di ricerca sullo studio delle ripercussioni dell’architettura militare dittatoriale sul processo di democratizzazione del Brasile ne è un esempio. Sarebbe dovuta andare proprio in Brasile per lavorare attivamente alla sua ricerca sul campo, ma la malattia non gliel’ha permesso”.
Domani a Tricase, presso la Parrocchia Sant’Antonio da Padova, alle 15, si terranno i funerali.

Potere al Popolo la ricorda così: “Silvia era una sorella, un’amica, una compagna, una persona stupenda. Porteremo sempre con noi il suo bellissimo sorriso, la sua incredibile vitalità, la sua intelligenza, la sua voglia di conoscere, di scherzare, la sua capacità di avere cura del prossimo. Molti l’hanno conosciuta quest’anno alle Assemblee Nazionali di Potere al Popolo!: era presente sin dal 18 Novembre al Teatro Italia, quando portò la voce dei NO TAP. Poco dopo avrebbe scoperto di avere un tumore, ma questo non l’ha fermata dal continuare la sua militanza sociale con i NO TAP e politica con Potere al Popolo! Era a maggio a Napoli, per la due giorni dell’Assemblea Nazionale, nonostante la chemio.  Non ha mai smesso di lottare, in tutti i sensi. Eletta in Coordinamento Nazionale per il suo impegno e la sua straordinaria umanità, Silvia è venuta alla prima riunione del 24 Novembre all’Intifada, nonostante avesse da poco finito il ciclo di radio. Niente avrebbe potuto trattenerla dall’onorare l’impegno che aveva preso con i compagni e le compagne. Intervenne parlandoci dei NO TAP e delle mobilitazioni dell’8 dicembre, ci diede entusiasmo. Poi venne in piazza per il corteo di Non una di Meno. Tutte le persone che hanno avuto la fortuna di conoscerla sono sconvolte dal dolore. Aveva solo 34 anni e tantissimo da dare”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*