90enni in lacrime: in casa rischio crollo da sette mesi

SCORRANO – Annunziata e Olga hanno 91 e 93 anni. Sono sorelle e vivono in una casa popolare, al civico 15 di via Giuseppe Bello a Scorrano, da 60 anni. È un immobile di Arca Sud.

In 40 metri quadri di appartamento letteralmente mangiati  dall’umidità, a maggio scorso il soffitto ha cominciato a sgretolarsi. Loro, lucide e determinate, hanno dato l’allarme e sono arrivati gli operai, che hanno buttato giù i pezzi di intonaco pericolanti -operazione che ha rovinato i mobili e distrutto piatti e bicchieri che erano all’interno della credenza- e hanno installato quattro puntelli. Da allora non è stato fatto più niente. Queste donne, che potrebbero essere le mamme, le nonne, le bisnonne di ognuno di noi, sono state abbandonate. Costrette a respirare muffa -e Annunziata soffre di bronchite- senza un impianto di riscaldamento, con la canna fumaria rotta, per cui non posso neanche accendere il fuoco, e con il soffitto in queste condizioni da sette lunghissimi mesi. Una situazione intollerabile. Si sono dette anche disposte a pagare di tasca propria i lavori necessari e a essere rimborsate in futuro. Ma è stato loro risposto che non possono, perché la casa non è di loro proprietà.

La loro più grande paura? Che muoiano e che non possano ricevere l’ultimo saluto dei loro cari qui, perché la bara non potrebbe entrare tra i puntelli. Bisogna intervenire con urgenza, non c’è un solo giorno da perdere. Troppi ne sono passati senza che chi di dovere abbia rimediato.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*