Falsi incidenti, un’assoluzione e quattro condanne

LECCE – Quattro condanne ed un’assoluzione per il processo nato dall’inchiesta sulle presunte truffe ai danni delle assicurazioni con incidenti falsi. I sinistri risalgono al 2011 e al 2012. Gli interessati erano accusati di aver prodotto false certificazioni sanitarie o di aver  chiesto risarcimenti per lesioni meno gravi di quelle effettivamente riportate.

Condannato a due anni Raffaele Danese, 56enne di Monteroni; a due anni e sei mesi Tommaso Danese, 40enne, sempre di Monteroni; a tre anni Alessandro Quarta, 33enne leccese; ad un anno e sei mesi Gianluca Carlà, 45enne monteronese. Assolto con formula piena, perchè il fatto non sussiste, l’avvocato Francesco Delli Noci, risultato totalmente estraneo alle accuse. La vicenda risale allo scorso anno, al periodo della campagna elettorale per le  amministrative leccesi.

Gli imputati sono stati condannati anche al risarcimento del danno patrimoniale e non in favore delle assicurazioni che si sono costituite parti civili.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*