Tap, nell’attesa della perizia sindaci e Regione serrano le fila: “Non arretriamo di un passo”

BARI – Bocce ferme fino al deposito della perizia, ma intanto non si arretra di un millimetro. Questo in sintesi ciò che il governatore Michele Emiliano e i sindaci di Melendugno, Lizzanello e Calimera, Marco Potì , Fulvio Pedone e Francesca De Vito si sono detti nel faccia a faccia barese. I primi cittadini sono stati convocati dal presidente di Regione assieme agli avvocati Ladislao Massari, Francesco Calabro e al consulente del Comune di Melendugno, prof. Dino Borri.

La posizione è chiara: la mancata sostituzione del perito del gip, il prof. Bezzo, sul quale pendeva un dubbio di presunta incompatibilità o quantomeno di inopportunità per l’amicizia che lo lega al perito di Tap, il prof Maschio, non scoraggia affatto. La barra temporale è fissata al 18 novembre, data entro la quale dovrà essere depositata la perizia. All’udienza per l’incidente probatorio, poi, parteciperanno tutti, Regione compresa, e solo allora sarà possibile studiare i passi futuri.

Perché nell’ipotesi, auspicata di sindaci e dal governatore, che venga accolta la tesi secondo la quale il punto di ricezione è uno stabilimento e quindi deve essere assoggettato alla normativa Severo III, il futuro del gasdotto a Melendugno potrebbe cambiare radicalmente.

In caso contrario sarà, ancora battaglia. “Questo progetto – si è detto nell’incontro – senza l’applicazione della normativa Seveso mette a rischio l’incolumità di 30mila persone perché abitazioni e attività sono troppo vicine all’impianto, ricadendo in un raggio non superiore ai 5 km”. Insomma, si è detto, “una follia ingegneristica”.

Che fare dunque? Come detto, non arretrare di un passo. Se l’esito dovesse, quindi, confermare l’esclusione dell’opera dalla Seveso, si tornerà a riunirsi per trovare ogni possibile appiglio così da tutelare la popolazione e il territorio dal rischio di incidenti ed esplosioni. Intanto, però, la Regione sarà l’ente vigilante sui lavori in mare, affinché vengano rispettate tutte le prescrizioni esistenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*