Cosenza-Lecce: il valzer degli ex

Ottica Salomi

LECCE (di M.C.) – Cosenza – Lecce è una partita che si prepara e si presenta da sola, Cosenza – Lecce è l’occasione per mettere in atto, tra campo e panchina, un vero e proprio valzer degli ex.

Cuore, batticuore, speranze, sogni realizzati, qualche delusione, e un futuro da scrivere.

Sono ben otto i protagonisti di questa irregolare danza; e, iniziando dalla panchina troviamo mister Braglia che arrivò a Lecce ad ottobre 2015 e ottenne subito 18 risultati consecutivi lasciando presagire che fosse l’anno buono per tornare in B poi si classificò 3° e perse in semifinale playoff col Foggia. Nella passata stagione invece ha riportato proprio in cadetteria, contro ogni pronostico, dopo 15 anni il Cosenza. Lo ha fatto insieme a Stefano Trinchera, il direttore sportivo leccese purosangue ma che lasciò spazio a Mauro Meluso che prima era a Cosenza, entrambi hanno ottenuto la promozione in B lontani dalla loro terra natia.

Poi ci sono i tre attaccanti: Andrea La Mantia che si rilanciò proprio al San Vito – Marulla segnando 13 gol in 24 presenze nella stagione 2015-16 e Matteo Di Piazza amatissimo dai tifosi leccesi, protagonista della promozione in doppia cifra ma lasciato partire, così come Alain Baclet che nel 2009-10 mise a segno 10 gol tra B e Coppa Italia con la maglia giallorossa lasciando di sé un ottimo ricordo nella città barocca.

Infine ci sono due ragazzi taciturni, educati, professionisti seri che in campo sudano sempre la maglia che indossano e sono Andrea Arrigoni che proprio a Cosenza ha vissuto due stagioni da protagonista e dall’altra parte Matteo Legittimo che ha il cuore giallorosso ma è approdato in Calabria dopo la conquista della B sul campo leccese.

Sono dei professionisti è vero ma quanto si può comandare al cuore? Quanto possono incidere l’affetto ed i ricordi? Forse nulla, sicuramente nulla, ma è bello pensare, però, che un brivido di malinconia solleticherà la loro pelle sabato pomeriggio quando, prima del fischio d’inizio, si ritroveranno a incrociare i colori di maglie diverse… poi si darà il via alle danze, al valzer degli ex, ed ognuno ballerà per la sua attuale squadra implacabilmente.

Cosenza-Lecce tutta da vivere, emozioni, cuore, e un pizzico di romanticismo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*