La speranza spezzata: ritrovato il corpo di Simona tra le macerie di Marsiglia

MARSIGLIA- Si è spenta ogni speranza. Ogni speranza di ritrovarla in vita. I soccorritori francesi hanno ritrovato il corpo senza vita di Simona Carpignano, la ragazza tarantina di 30 anni, tra le macerie delle palazzine crollate a Marsiglia. Il suo nome figurava nell’elenco dei dispersi già da lunedì sera.

Nulla da fare, purtroppo, per la giovane salentina che si era trasferita in Francia per cercare lavoro dopo aver conseguito la sua seconda laurea. Soprannominata “Sorriso” per il suo carattere positivo, aveva confidato agli amici di temere di vivere in quei palazzi che poi hanno ceduto all’improvviso. Il suo corpo è stato portato nell’istituto di medicina legale di Marsiglia. Finora sono sei le vittime accertate e si cercano ancora altre due persone che risultano disperse.

In Francia si erano subito precipitati i familiari di Simona, con il padre Domenico, per cercare di essere utili nella ricerca.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*