Lo sfogo: “Investito sulla Lecce-Gallipoli, nessuno mi ha soccorso”

LECCE – Si dice deluso dall’indifferenza Carmelo De Giorgi, 67 anni di Lecce, mentre racconta di essere stato investito in serata mentre viaggiava sulla Lecce – Gallipoli a bordo del suo scooter. “Mi sono salvato da solo” dice, trattenendo le lacrime. Viaggiava direzione Lequile quando, all’altezza dello svincolo per la tangenziale Ovest, “un’auto mi ha tamponato -spiega- per poi lasciarmi a terra”. Lì dove nessuno lo ha soccorso. Ha allertato lui stesso,  il 118 e un suo amico, quando ha ripreso conoscenza e si è trascinato sul ciglio della strada.

“Se qualcuno ha visto, parli” dice. Lo scooter, al momento dell’impatto, ha proseguito la marcia disteso sull’asfalto per circa 50 metri. “Io sono rimasto a terra -continua- tra le auto che mi sfrecciavano accanto in velocità. Agli automobilisti voglio dire questo: che sia un cane o una persona, nessuno merita di morire così”.

Ha pensato a suo figlio Dario in quei lunghi istanti d’attesa, si è rialzato per lui. E adesso dice: “Quando ci si mette alla guida, bisognerebbe farlo con coscienza, sempre. A me è andata bene ma questa brutta esperienza mi ha segnato. Per paura o per fretta ci si dimentica di restare umani”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*