Sulla maglia delle squadre di B il brand di un nuovo partner

Nella foto il presidente della Lega B, Mauro Balata, Loris Cherubini e Giovanni Amato (sinistra).
Ottica Salomi

LECCE – Sulla manica sinistra delle divise di gioco delle 19 squadre del campionato della Serie BKT ci sarà il brand di un’azienda che ha deciso di sposare il progetto di una categoria a cui l’accomuna molti temi: la Facile Ristrutturare. L’azienda italiana vuole dare un apporto alla ristrutturazione e al miglioramento dell’impiantistica sportiva, ritenendolo uno degli asset fondamentali dove agire per attirare pubblico e ricavi negli stadi.

Per questo l’accordo, biennale, non prevede soltanto una sponsorizzazione ma anche un contributo per lavori di miglioramento dello stadio o del Centro sportivo (tribune, aree hospitality, foresteria, sede) delle squadre della Serie BKT.

Lo comunica la Lega B che poi dà voce ai due fondatori di Facile Ristrutturare.

“Abbiamo intrapreso questa importante partnership con la Lega B in quanto si inserisce in un tenace percorso di innovazione, evoluzione e dinamica rivalorizzazione del territorio, oltre che di promozione e sperimentazione di iniziative e progetti anche in ambiti extrasportivi – afferma Giovanni Amato, uno dei soci –  Questi valori, minimo comune denominatore tra Facile Ristrutturare e la Lega B, si uniscono alla volontà di entrambi i brand di rappresentare un incubatore di giovani talenti per i palcoscenici di primo livello sia nel calcio nazionale e internazionale che nel mondo dell’Architettura e dell’Interior Design”.

Gli fa eco l’altro fondatore, Loris Cherubini: “la capillarità sul territorio delle 19 squadre rispecchia lo strategico posizionamento dei nostri 50 Store, fornendo a tifosi e clienti un punto di riferimento in ogni regione italiana. Inseguire le vittorie su ogni campo, sia esso da calcio o un ambiente da ristrutturare, è il fine sia di Facile Ristrutturare che della Lega B, aziende capaci di rivoluzionare e lasciare il segno in due settori dell’Italia contemporanea in continua crescita ed evoluzione”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*