Case popolari, si dimette Torricelli

LECCE – Un passo indietro dopo le accuse della procura nell’ambito dell’indagine della Guardia di Finanza sulle case popolari di Lecce: anche Antonio Torricelli ha presentato le sue dimissioni da consigliere comunale di Lecce, dopo Monosi e Pasqualini. Il consigliere PD è coinvolto nell’inchiesta sull’assegnazione di case popolari in cambio di voti che lo scorso 7 settembre è sfociata negli arresti domiciliari per 5 persone: Attilio MONOSI, già assessore al bilancio e edilizia residenziale pubblica; Luca PASQUALINI, già assessore alla Polizia Municipale, traffico e mobilità; Pasquale GORGONI, funzionario protempore dell’ufficio casa; Andrea SANTORO e, appunto, Antonio TORRICELLI, vicepresidente pro tempore del Consiglio Comunale di Lecce.

In carcere due inquilini degli alloggi popolari; due obblighi di dimora e interdizione dall’esercizio di un pubblico ufficio a carico di 5 soggetti.

La zona ex “167”, secondo l’indagine, veniva usata come un rubinetto per riempire un sostanzioso bacino di voti a favore di due candidati alle regionali 2015 sponsorizzati dal consigliere Torricelli. E, per radunare su una lista con nomi e cognomi quanta più gente possibile che garantisse il voto, una donna, anche lei indagata, era “non solo la referente sul territorio di Torricelli, per il quale è collettore di voti, ma anche una sorta di collante tra il territorio e gli altri sodali”. E, in cambio, c’erano i benefici dell’illecita sanatoria degli alloggi occupati o della illecita concessione di immobili ERP. Lei e un altro indagato erano una sorta di rappresentanti di gruppi di abusivi, i loro referenti.

Nel fascicolo si parla della donna in questione, anche in relazione alla ricerca di una casa che fosse a lei gradita, perché lei era una protetta di Torricelli.

In consiglio comunale il suo posto viene ora ufficialmente preso da Paola Leucci.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*