Grave il chitarrista dei Negramaro, Lele Spedicato: emorragia cerebrale

LECCE – È arrivato in Pronto Soccorso in stato di incoscienza e ora è ricoverato in rianimazione. Emanuele Spedicato, 38 anni di Veglie, chitarrista dei Negramaro, si è sentito male in mattinata mentre era in casa , ed ora è in prognosi riservata. Emorragia celebrale, improvvisa, inaspettata, che ha sconvolto i fan del gruppo musicale salentino. Emanuele si è sentito male, avrebbe accusato un forte mal di testa, ma era cosciente all’arrivo dei soccorsi, avrebbe perso conoscenza durante il tragitto, in ambulanza, è li che situazione è precipitata.

È stata la moglie Clio, che tra qualche settimana lo renderà padre, a chiamare i soccorsi. L’ambulanza del 118 lo ha trasportato in codice rosso all’ospedale Vito Fazzi dove è arrivato in condizioni molto gravi, intubato e portato in Rianimazione.

I medici non si sbilanciano sulle sue condizioni . La prognosi è riservata.

Sul bollettino medico della Asl si legge: “Emanuele Spedicato è ricoverato nella Rianimazione dell’Ospedale. Il paziente è giunto in Pronto Soccorso, trasportato da un’ambulanza del 118 dopo aver accusato un malore. I medici lo hanno immediatamente sottoposto ad una serie di esami diagnostici e, successivamente, ne hanno disposto il ricovero nel reparto di rianimazione, dove è costantemente monitorato. Il quadro clinico presentato dal paziente non permette di sciogliere la prognosi, che resta riservata”.

Sono ore d’ansia per i fan, gli amici, per gli altri membri del gruppo guidato da Giuliano Sangiorgi, reduce da un’estate ricca di appuntamenti e concerti in tutta Italia, un tour non ancora finito ma che ora dovrà essere rivisto.

Il malore un fulmine a ciel sereno , un dramma che ha gettato la famiglia nello sconforto.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*