Perrone: Delli Noci è nel centrosinistra. Se poi vuole tarantelle e porte girevoli…

LECCE- “Se il gruppo consiliare “Prima Lecce” tenesse fede ai propositi annunciati, ci sarebbero tutti i presupposti per staccare la spina all’amministrazione. Del resto se ci fossero 17 Paolo Perrone, all’opposizione, il sindaco sarebbe a casa da tempo”. Così l’ex primo cittadino leccese che indice una conferenza stampa in solitaria sull’ipotesi dissesto del Comune che torna a smentire, con numeri e revival di quando la fascia tricolore la indossava lui.

Sull’ipotesi apertura a Delli Noci da parte del Centrodestra, nata dalla riflessione del senatore leghista Marti di aprire alle civiche per tornare a vincere, Perrone è netto: “Ormai è uomo del Centrosinistra -incalza- poi, mai dire mai. Libero di fare tarantelle e tiki taka, un giorno però dovrà rendere conto alla sua coscienza e all’elettorato”. In tema bilancio ribadisce la sua posizione, già nota da mesi: “Il dissesto non c’è -dice- continuare a configurarlo fa male alla città”.

Il commissariamento? Non lo temo, anzi -chiosa Perrone- lascerebbe spazio ad un’amministrazione legittimata a tutti gli effetti, a differenza di quella in carica”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*