Aumentano i capitani d’impresa, ma la stanza dei bottoni è presidiata da over 70

LECCE – Aumentano i capitani d’impresa, ma la stanza dei bottoni è presidiata dagli over 70. Questa, in sintesi, la fotografia dei top manager delle imprese italiane che, tra marzo 2013 e marzo 2018, sono cresciuti di circa 48mila unità; continuano a diminuire i giovani manager dell’Azienda Italia. “Si parla con preoccupazione, da oltre un decennio, di disoccupazione giovanile – commenta Alfredo Prete, presidente dell’Ente camerale leccese – ma questi dati ci ricordano che esiste anche un altro problema, in prospettiva ancora più insidioso: sempre più aziende sono guidate da persone “mature”. La “ricetta”, forse, potrebbe essere una virtuosa alleanza tra generazioni”.
Lo stesso andamento – l’invecchiamento dei manager – si riscontra anche nella provincia di Lecce: le persone con carica di amministratore nelle imprese salentine sono aumentate di circa 2.500 unità negli ultimi 5 anni, ma la crescita riguarda gli ultra cinquantenni e addirittura gli ultrasettantenni. Continuano a diminuire, invece, i giovani coinvolti in questi ruoli dirigenziali ai massimi livelli. Al 31 marzo 2018, gli amministratori con più di 50 anni superano le 17mila unità e sono il 52% del totale (erano il 44,4% nel 2013), mentre gli under 50 sono il 48%, contro il 55,6% di cinque anni fa.
Nel quinquennio esaminato, gli amministratori nella fascia di età 50-69 anni sono cresciuti del 25,3% e addirittura negli over 70 la percentuale sale al 31%. A questa crescita ha fatto da contraltare una marcata diminuzione degli amministratori under 50.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*