CulturaIdentità: al via il festival “contro la globalizzazione studiata a tavolino”

SAN VITO DEI NORMANNI- E’ sorta con l’obiettivo dichiarato di unire un fronte da sempre disgregato, quello del mondo della cultura. Per questo è nata la rete che raggruppa associazioni, fondazioni, artisti, giornalisti, imprenditori, che vogliono, come hanno fatto sapere, “non cadere vittime di una globalizzazione studiata a tavolino”. Quella rete, da questo 21 agosto e fino a sabato, si fa festival, “Cultura Identità”, negli spazi del castello Dentice di Frasso, a San Vito dei Normanni.

Il movimento creato dall’attore Edoardo Sylos Labini, sbarca, dunque nel Salento, per ospitare volti noti, amati e discussi della cultura, dello sport e anche della politica italiana. Radicamento, ma anche valorizzazione e rilancio del settore cultura in Italia sono i temi chiave della kermesse, che vede come media partner Telerama.

Ogni sera, all’ora dell’aperitivo, la presentazione di un libro, a iniziare da Angelo Crespi con un inedito della Fallaci; poi, la mostra con le opere di giovani estri dell’Accademia delle Belle Arti di Bari. A seguire, gli incontri a tema. In serata, l’apertura con Serena Bortone, lady Agorà, insieme al nuovo Consigliere di viale Mazzini, Giampaolo Rossi, e al sindaco di Ascoli, Guido Castelli. Il 22 agosto, un altro appuntamento speciale: l’editore di TeleRama Paolo Pagliaro condurrà la serata con il concerto del cantautore Povia.

Il 24 agosto si parlerà di legittima difesa e di violenza con il Ministro Giulia Bongiorno e la sua associazione Doppia Difesa. Insieme a lei, il sottosegretario alla Difesa Raffaele Volpi, ospite il Presidente di UNAVI, Paola Radaelli; modera Alessandro Giuli. Chiude il 25 agosto Giusy Versace, donna simbolo di coraggio e positività, intervistata dalla giornalista Monica Setta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*