Un acino d’uva di traverso, ma questa volta il bimbo è salvo

LECCE – È stato ancora una volta un acino d’uva ad aver messo a rischio la vita di un bambino, questa volta la vicenda si è conclusa fortunatamente a lieto fine. Mentre Taranto piange la bimba di 2 anni che due giorni fa è morta soffocata dopo aver ingoiato un acino d’uva, ieri pomeriggio per lo stesso motivo un bimbo di 4 anni è stato trasportato al Pronto Soccorso di Lecce. È stata un’equipe del reparto di Endoscopia digestiva e operativa diretto dal Dottor Armando Dell’Anna a salvare la vita al piccolo.

Con un delicato intervento,effettuato dal Dottor Roberto Leone (in foto), l’esofago è stato liberato dall’ostruzione che avrebbe provocato di lì a poco il soffocamento del piccolo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*