La Puglia come il Veneto: la Regione chiede più autonomia

BARI – Emiliano e la Lega? Ora, in comune, hanno la volontà di ottenere una maggiore autonomia della Regione.

Arriva dall’ultima seduta di giunta regionale, la prima bozza di un progetto che, come si potrà immaginare, non è certo immediato. La proposta è agli albori e dovrà prendere corpo nelle prossime settimane. Quando, cioè, sarà istituito un gruppo di lavoro che avrà il compito di far partire la macchina. L’intenzione, come detto, è perseguire la strada intrapresa da Lombardia e Veneto e che dovrebbe portare ad ottenere una maggiore autonomia. Il gruppo di lavoro sarà composto da rappresentanti dell’Ente regionale, di docenti universitari di diritto pubblico e costituzionale, dall’Ipres e sarà coordinato dal Capo di Gabinetto del presidente.

L’obiettivo, come si diceva, è di determinare forme e condizioni di maggiore autonomia per la Regione, come previsto dall’art. 116 comma 3 della Costituzione. Questo dice che possono essere attribuite alle Regioni, su richiesta delle stesse, anche competenze riguardanti l’ordinamento civile e penale e la giustizia amministrativa; le norme generali sull’istruzione e la tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali.

L’ultimo passaggio, prima dell’approdo in aula della proposta, sarà il tavolo di concertazione istituzionale con il Sistema degli enti locali per definire un piano di riordino territoriale, secondo i principi della sussidiarietà verticale e orizzontale, per definire il livello territoriale ottimale di allocazione delle competenze.

Come è noto – ha spiegato Emiliano – numerose Regioni hanno già avviato le trattative con il Governo centrale perché questo si attivi perché gli enti territoriali possano incidere, attraverso forme più o meno complesse di partecipazione ai processi decisionali che li riguardano e che impattano sul proprio tessuto socio – economico, ovvero incidono sui diritti costituzionalmente tutelati, come – ad esempio, quello alla salute, alla salubrità dell’ambiente e della tutela del paesaggio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*