Abusi in spiaggia: sequestri e raffica di multe

GALLIPOLI – Uomini e mezzi della Guardia Costiera di Gallipoli e degli Uffici dislocati lungo tutta la costa salentina hanno concentrato, anche in questo fine settimana, tutte le attività in mare ed a terra a tutela delle coste per prevenire e reprimere eventuali abusi.

Un noleggiatore nel Comune di Salve è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per aver abusivamente occupato circa cinquanta metri quadrati di spiaggia mediante la posa di alcuni pali di ombrelloni e lettini, impedendo l’uso pubblico di demanio marittimo. E’ stato effettuato il sequestro degli arredi da spiaggia illecitamente posizionati, con contestuale restituzione alla pubblica fruizione del tratto di arenile interessato.

Nel fine settimana sono stati inoltre ispezionati cinque stabilimenti balneari tra Gallipoli e Porto Cesareo, di cui due sono stati sanzionati per aver occupato la fascia dei cinque metri, lungo la battigia, riservata al libero transito in violazione a quanto previsto dall’Ordinanza balneare della Regione Puglia e per carenze delle dotazioni di sicurezza stabilite dall’Ordinanza di sicurezza balneare emessa dalla Capitaneria di porto di Gallipoli. Per queste ultime violazioni sono stati altresì sanzionate tre attività di noleggio di arredi da spiaggia.
Numerose sono state, invece, le infrazioni rilevate dalle motovedette della Guardia Costiera lungo la fascia di mare riservata alla balneazione.
Nel complesso sono state contestate venticinque infrazioni per aver ancorato o navigato a motore nella fascia di mare riservata alla balneazione o nelle zone interdette da Ordinanze della Capitaneria di porto di Gallipoli per rischio crolli delle falesie, nonché a carico di unità che effettuavano il trasporto passeggeri con a bordo un numero di persone superiore a quello consentito dalle certificazioni di sicurezza.
Nell’area marina protetta di Porto Cesareo, infine, sono state sanzionate diverse moto d’acqua per aver navigato all’interno del sito protetto in violazione alla disciplina di settore.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*