Impianto rifiuti, botta e risposta tra il Sindaco di Cavallino e Grandaliano

CAVALLINO – Botta e risposta tra il Sindaco di Cavallino Bruno Ciccarese e il commissario straordinario per i rifiuti Grandaliano. “Alla luce dei recenti sviluppi, che prefigurano un’estate molto problematica per quel che riguarda la gestione dei rifiuti urbani della provincia di Lecce, il sindaco di Cavallino ha spiegato alle Amministrazioni Comunali appartenenti al bacino d’utenza dell’ex ATO LE/1 gli interventi di ammodernamento dell’impianto di trattamento RSU di Cavallino ritenuto urgente già diversi anni fa dal momento che questo è divenuto del tutto obsoleto.  Questa Amministrazione, non avendo scelte alternative, ha fortemente voluto la trasformazione della piattaforma di località Guarini in un’infrastruttura moderna e le procedure per l’affidamento dei lavori di ammodernamento della piattaforma e di gestione della stessa si sono ormai concluse con un provvedimento di aggiudicazione definitiva, che attende di essere soltanto ratificato con la sottoscrizione del contratto. Purtroppo- dice Ciccarese- al momento, a causa dell’inerzia del Commissario Delegato Regionale, non esiste ancora alcuna certezza sulle tempistiche necessarie a dar corso agli interventi di ammodernamento ed integrazione funzionale della piattaforma di località Guarini. A stretto giro è arrivata la risposta di Grandaliano: ” E’ opportuno ricordare- dice- che la sottoscrizione del contratto propedeutico all’avvio dei lavori è e resta in capo al Comune di Cavallino. Infine – conclude Grandaliano – anche se fosse stato sottoscritto il contratto, questo avrebbe riguardato comunque, esclusivamente,  l’impianto di biostabilizzazione e non già la discarica, laddove, per stessa ammissione del Sindaco di Cavallino, si annida il vero problema. La discarica, infatti, è di proprietà di Cisa, la quale è pertanto l’unica responsabile della gestione della stessa. Nessuna competenza in merito appartiene all’AGER, che così come stabilito dalla legge risponde solo della gestione degli impianti pubblici di trattamento rifiuti”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*