Irruzione in un casolare di Melendugno. I carabinieri arrestato Sterlicchio, fuggito nel blitz Labirinto

LECCE- Non ha fatto molta strada Michele Sterlicchio, 53 anni di Lecce, uno degli ultimi destinatari di un’ordinanza di cattura nell’operazione Labirinto sfuggito al blitz di domenica notte. I carabinieri lo hanno scovato in un casolare nelle campagne di Melendugno dove hanno fatto irruzione dopo averlo cinturato. Hanno bloccato ogni via di fuga all’uomo che ora si trova in carcere con l’accusa di essere un referente per l’attività di spaccio nella zona di Lecce. I carabinieri del Ros e i militari del Reparto Operativo di Lecce che hanno condotto le indagini dell’operzione antimafia sono intenzionati a non mollare e a chiudere presto il cerchio. Dopo l’arresto nelle scorse ore di Antonio De Carlo, 43 anni, scovato in un’abitazione di S.Pietro in Lama, e dopo la notifica dell’obbligo di dimora a Daniele Coluccia avvenuta a Roma nell’aeroporto di Fiumicino, ora all’appello manca Gabriele Tarantino di Monteroni, dagli inquirenti ritenuto il luogotenente del boss Saulle Politi.  Intanto continuano gli interrogatori in carcere degli arrestati comparsi davanti al giudice Antonia Martalò, la maggior parte dei quali si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*