Rischio clonazioni, se ricevete email o sms controllate subito il saldo della vostra carta

LECCE- Non rispondete ad email ed sms ricevuti da Poste ed istituti bancari. Nelle ultime ore clonate carte e bancomat i consigli per vigilare ed intervenire

 

Alcun istituto bancancario, né tantomeno Poste Italiane, comunica attraverso email o sms se nell’immediatezza non avete richiesto alcun servizio con risposta attraverso messaggio sul vostro smartphone. Non aprite, non rispondete e non inserite eventuali codici aggiuntivi. Nelle ultime ore, alcuni clienti di Poste Italiane stanno ricevendo messaggi sul proprio telefonino; messaggi che abitualmente, a tutela del titolare, giungono in automatico quando si tenta un pagamento online. Questi sms sono così confezionati: “Poste Info: la password dispositiva è… “, e segue un numero a 5 cifre, “per problemi contatta il call center BancoPosta”. Questo messaggio, se non generato da qualche vostra operazione online qualche secondo prima, deve allertarvi perché, se da una parte può esser considerato una garanzia, dall’altra significa che qualcuno stia tentando un’operazione attraverso la vostra carta. Verificare subito il saldo contabile, se differente in modo immotivato, chiamare subito il numero verde di riferimento. In tal modo, se a voi non ancora visibili le operazioni che potrebbero esser state fatte in modo criminoso, potrete prenderne atto attraverso l’operatore e quindi bloccare la vostra carta per evitare ulteriori abusi. A questo punto sarete costretti ad attendere i tempi della contabilizzazione, se la truffa andata a buon fine, ed in caso sporgere denuncia all’autoritaà giudiziaria per poi recarvi all’Ufficio postale per il disconoscimento delle operazioni effettuate ed attendere la verifica e sperare nel rimborso. Nel caso in cui l’attività criminale possa esser stata tentata ma senza esito positivo, le somme mancanti torneranno autonomamente sul vostro conto. Nel primo caso i tempi per riavere i vostri soldi non sono inferiori ai 60 giorni, nel secondo caso dopo qualche giorno dall’operazione truffaldina se non andata, per vostra fortuna, a buon fine rientrerete nella disponibilità di quanto hanno tentato di sottrarvi. Un consiglio: monitorate spesso, attraverso le App della vostra banca o della posta , i movimenti sul vostro conto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*