Ex case magno, 15 giorni senza ascensore. Anziani e disabili “sotto sequestro”

DETTALGROS

LECCE – Il signor Donato Pascali, 78 anni e malato di cuore, è uno dei residenti di un alloggio Arca Sud, in Via Vergine al civico n°2. Qui da due settimane l’ascensore è fuori uso: 24 famiglie tra cui tantissimi anziani affetti da varie patologie e ben 3 disabili si dicono sequestrati in casa. Tante storie diverse e un’unica battaglia.

Lui, Donato, vive al sesto piano, con moglie e figlio al seguito. Trattiene a stento le lacrime perchè, anche se a fatica, dimostra di essere sempre stato in regola con i pagamenti. Centinaia di bollettini disposti sul tavolo accuratamente in fila, in ordine di tempo, e tanta rabbia. Da 2 settimane suo figlio Andrei, 26 anni costretto su una sedia a rotelle, non può in alcun modo uscire da casa.

Al quarto piano ad aspettarci c’è Assunta, 67 anni, e al suo fianco la vicina Rita, di 87 anni.  Vorrebbero sottoporsi alle visite mediche che da mesi avevano programmato: alcune, dopo una lunga attesa, hanno dovuto già disdirle. Entrambe hanno problemi seri di deambulazione: si confortano a vicenda e questa è la loro forza.

Scalpita a dire la sua anche Fausto, 80 anni, che un mese fa si è sottoposto ad un intervento al polmone, in questa fase delicata non può in alcun modo affaticarsi. Non va meglio per Maria Pia, 80 anni, madre di una 49enne disabile che vive insieme a lei.

Otto fermate e in cima all’ascensore, per ciascuna, miniature sacre e crocifissi. Loro ironizzano amaramente anche su questo: “speriamo nel miracolo” dicono, perchè non è la prima volta che per ottenere una soluzione hanno dovuto ricorrere ad un appello pubblico.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*