Rifiuti indifferenziati in strada: la responsabile dell’illecito dovrà pagare. Lo ha stabilito il Giudice di Pace

QuattroStelle

LECCE- L’opposizione presentata dalla donna leccese accusata di aver abbandonato per strada rifiuti non differenziati è stata rigettata dal Giudice di Pace Luigi Piro. La cittadina quindi dovrà pagare la somma di 413 euro, sanzione emessa dai vigili urbani del comune di Lecce. Si tratta della prima sentenza di questo tipo e sancisce come chi lascia rifiuti indiscriminati per strada e viene individuato, come in questo caso, dalla corrispondenza presente all’interno, deve pagare una multa salata. Una vicenda che è il frutto della stretta del Comune sull’abbandono dei rifiuti dopo l’avvio della raccolta differenziata in tutta la città ad opera della Monteco. Gli agenti della municipale incaricati avevano aperto i sacchetti lasciati in strada in via S.Pietro in Lama alla ricerca di eventuali documenti per risalire ai proprietari. Il nome della donna era sulla corrispondenza che è stata poi fotografata ed acquisita. Era il 22 maggio 2017 quando fu effettuato l’accertamento e redatto il verbale a cui seguì un’opposizione e una successiva ingiunzione. Una versione diversa quella fornita dal legale della destinataria della multa, l’avvocato Emanuela Toscano, che aveva attribuito invece la responsabilità al comune costituito in giudizio con l’avvocato Anna De Giorgi. Secondo il difensore il deposito nella zona non autorizzata era stato necessario perché i mezzi della raccolta non riscivano, a causa delle loro dimensioni, a transitare dalla via troppo stretta in cui la donna risiedeva.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*