Contenzioso milionario con una struttura sanitaria privata: il Tar dà ragione alla Asl

LECCE – Il trasferimento in un’altra sede e cambiamenti nella composizione societaria avevano, secondo una struttura sanitaria privata, arrecato alla stessa un danno tale da chiedere alla Asl di Lecce un risarcimento da 6 milioni e 700mila euro. Ora il Tar mette la parola fine alla vicenda, dando ragione all’Azienda sanitaria.

Accogliendo le tesi difensive sostenute dal prof. avv. Pier Luigi Portaluri per conto dell’A.s.l. leccese, i giudici hanno rigettato il ricorso con il quale nel 2014 la struttura privata aveva formulato nei confronti della stessa A.s.l. e della Regione la milionaria richiesta risarcitoria per il danno che la ricorrente avrebbe subito in conseguenza di alcuni provvedimenti adottati nel 1993 e 1994 dalle amministrazioni.

La squadra di governo dell’A.s.l. -i dott.ri Valdo Mellone, Ottavio Narracci e Antonio Vigna– decise di non corrispondere le somme e di difendere in giudizio le proprie ragioni.

Nel corso del processo la difesa dell’A.s.l. ha ricostruito l’intricata vicenda snodatasi sin dal 1990, dimostrando l’estrema complessità dei fatti e la difficoltà di darne una ricostruzione giuridica oggettiva e certa.

Condividendo il punto di vista del prof. Portaluri, il Tar ha rigettato il ricorso proposto dalla struttura privata, affermando che il comportamento dell’A.s.l. era stato del tutto esente da colpa: il quadro normativo e fattuale aveva infatti indotto Tar e Consiglio di Stato ad assumere – con riferimento ai provvedimenti via via adottati dalla A.s.l. e dalla Regione – decisioni contrastanti nei vari gradi di giudizio.

Il prof. Portaluri ha sottolineato la particolare importanza della decisione anzitutto per i suoi evidenti, oggettivi risvolti economici: l’accoglimento della richiesta risarcitoria avrebbe determinato un notevole danno finanziario per l’A.s.l.. Ma soprattutto perché i giudici hanno messo in luce l’impossibilità di ritenere il comportamento della p.A. sanitaria caratterizzato da manchevolezze che potevano essere evitate.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*