Monteroni, l’opposizione incalza: “ancora campagna acquisti”

MONTERONI – “Si insegna ai bambini che, prima di giocare, bisogna stabilire le regole e, soprattutto, si insegna loro a rispettarle. Evidentemente questo semplice concetto non rientra nello stile della maggioranza e soprattutto nel modus operandi del nostro Sindaco. E che non passi il messaggio che la politica sia un gioco” così Diego Mancarella, Presidente FdI Monteroni.
“Dopo tre anni, ancora, assistiamo ad un’indecente campagna acquisti come nei periodi peggiori della politica della vecchia guardia. La maggioranza di centrosinistra ed, in particolare, Vincenzo Toma, a breve nuovo Capogruppo di maggioranza, (almeno così si presenta) ed il Sindaco, in maniera nascosta e sotterranea, cercano di sfilare consiglieri ai vari gruppi consiliari. E sarebbe questa l’amministrazione che parla di trasparenza?
Un Sindaco che col tramite di un suo assessore trattano di nascosto con il nostro consigliere Quarta non informando il loro stesso segretario Antonello Guacci e ignorando il direttivo di Fratelli d’Italia?
Mimmo Quarta, nostro attuale Consigliere, ha rifiutato la “poltrona” e ha scelto di rimanere in FdI continuando a rispettare il suo ruolo in consiglio comunale; Ha scelto di rimanere in un gruppo forte e coeso e soprattutto ha scelto la coerenza a dispetto di pseudo allargamenti.
Vorrei ricordare al Sindaco che la sua elezione è frutto dell’accordo tra partiti che ha, volutamente, scelto di ignorare in questi tre anni non prendendo in considerazione, di conseguenza, il consenso determinante dei tantissimi elettori monteronesi. La politica è una cosa seria, ma è chiaro che alcuni politici non lo sono nonostante mi piaccia continuare a credere che la lealtà, la fedeltà e il rispetto appartengano sicuramente ancora alle persone per bene.
Che cos’è il Nulla che avanza?.
È il vuoto che ci circonda, e io ho fatto in modo di aiutarlo, perché è più facile dominare chi non crede in niente. È questo il modo più sicuro di conquistare il potere. (M. Ende, La storia infinita.
Contro il Nulla che avanza, invito tutte e tutti i cittadini stanchi e indignati a partecipare ai Consigli comunali per farsi sentire, per dire basta, per chiedere lo scioglimento di questo Consiglio comunale”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*