Gambizzato a Galatina, trovata bruciata l’auto dell’agguato

GALATINA- L’auto usata da chi ha sparato è stata ritrovata poco dopo l’agguato, in campagna in agro di Soleto, bruciata. È una Fiat Bravo, risultata rubata a febbraio a Taviano.  A bordo di quella vettura è arrivato l’uomo incappucciato che, intorno alle 21,00 di giovedì, a Galatina, ha sparato a Salvatore Serafini, imprenditore 54enne del posto.  La sequenza si è svolta in via Gorizia, alla periferia del paese. Un uomo con il volto coperto da un passamontagna ha gambizzato il suo bersaglio, ferendolo con due colpi al femore della gamba sinistra. L’auto è poi ripartita a grande velocità.  Chi era nei campi di calcetto poco lontano hanno sentito tutto e ha dato l’allarme chiamando i soccorsi. L’ambulanza ha trasportato la vittima in ospedale. L’uomo non è in pericolo di vita, i proiettili gli hanno però fratturato il femore. Le indagini sono condotte dalla Squadra Mobile della questura di Lecce e dal Commissariato di Galatina. Al momento non si esclude alcuna pista investigativa.  In passato l’uomo, titolare in paese di un “Punto Enel”, ha già subito un incendio e l’esplosione di una bomba davanti al negozio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*