Campagna elettorale rovente a Squinzano: imbrattata l’auto del consigliere Longo

SQUINZANO – Una scritta indecifrabile con vernice nera sulla fiancata della sua auto parcheggiata sotto casa della figlia. A finire nel mirino di quella che non sembra essere solo una bravata l’auto del consigliere d’opposizione di Squinzano Lucio Longo, ricandidato nella lista dell’ex sindaco Gianni Marra, esattamente come 5 anni fa. Fu allora che ad entrambi, verso la fine della campagna elettorale, fu recapitata una busta contenente proiettili e poi un messaggio chiaro “statevene a casa -c’era scritto- ritiratevi dalla competizione elettorale”.

La storia sembra dunque ripetersi e la tensione in paese torna ad essere alta.

In Via S. Elia, dove il mezzo del consigliere era parcheggiato, qualcuno ha agito tra le 19 e le 21 e, con ogni probabilità ha dovuto farlo in fretta considerato l’orario centrale.

“La campagna elettorale è iniziata così come si era conclusa cinque anni fa, con le intimidazioni e con gli stessi metodi – ha commentato a caldo Lucio Longo- rimane il rammarico di non poter fare attività politica nel proprio paese con serenità e tranquillità. Ma noi non ci faremo intimidire neanche questa volta, tutt’altro”.

Sulla vicenda indagano i Carabinieri. Longo e Marra intanto preannunciano di bussare alle porte della Prefettura per chiedere di alzare il livello di guardia e ottenere la garanzia di una campagna elettorale serena.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*