Operazione Orione, revoca dei domiciliari per Cristian Coluccia

LECCE- “Ha chiarito ampiamente e con documenti alla mano i rapporti che lo legavano a Cosimo Miggiano, tra i due vi era soltanto un rapporto di compravendita di auto e di moto. Inoltre, ha chiarito che nessun rapporto vi è stato mai con Paolo Merico e né che i cosiddetti pizzini lo riguardavano”. A renderlo noto è l’avvocato Salvatore De Mitri che difende Cristian Coluccia, finito agli arresti domiciliari nell’Operazione “Orione” , portata a termine il 20 marzo scorso e che ha portato all’arresto di 37 individui. Per lui, in queste ore è arrivata la revoca del provvedimento. “Non ha mai avuto contatti con la criminalità organizzata e nemmeno né ha mai fatto parte”, sottolinea il legale che esprime apprezzamento per il provvedimento di revoca della misura cautelare. “A tutela della onorabilità e della libertà dell’uomo saranno poste in essere tutte quelle azioni necessarie per riabilitare la sua immagine e la sua reputazione”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*