Strutture balneari e Soprintendenza, un “corto circuito di comunicazione”

LECCE – La querelle tra operatori del settore balneare e Soprintendenza al centro dell’incontro organizzato da Federbalneari Salento che si è tenuto nelle scorse ore a Lecce. “Riteniamo ci sia un grosso corto circuito di comunicazione tra i comuni costieri, non solo quelli della provincia di Lecce, ma anche di Brindisi e Taranto con la Soprintentenza – ha dichiarato il presidente di Federbalneari, Mauro della Valle – Proprio quest’ultima in più situazioni ha lamentato la mancanza di rapporto con i comuni costieri che oggi hanno la bussola dello sviluppo balneare. Se non si arriva a far sì che ci sia nuovamente comunicazione caso per caso, comune per comune non servirà nessuna circolare o legge sul mantenimeto degli stabilimenti . Necessario determinare delle regole. Federbalneari, un mese fa, ha mandato richiesta al Soprintendente di farsi carioco di due appuntamenti: uno con i sindaci dello Ionio, l’altro con quelli dell’Adriatico. Ci risulta che gli incontri inizieranno ad Aprile, riteniamo sia questo il miglior modo per porre fine a questa incertezza con la quale combatte l’impresa balneare”. All’incontro ha partecipato anche l’Assessore Loredana Capone.

Per il Prof. Pier Luigi Portaluri: “Il metodo deve essere quello del dialogo diretto, uno a uno, tra il singolo Comune e la Soprintendenza. La regione si è impegnata a favorire questo dialogo che non deve escludere nessun attore istituzionale a comunciare dalla stessa Soprintendenza che ha un ruolo nevralgico in questa matassa che non è facile da sbrogliare. Una matassa che ha tanti nodi e tanti paletti, quali per esempio il rispetto delle competenze di ognuno di questi attori istituzionali che è garantito dalla costituzione. Quindi un cammino difficile, ma che può essere portato al traguardo con la buona volontà di tutti”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*