Morte nei campi a Nardò, accolte le richieste di parti civili. Il Pm chiede rinvio a giudizio

LECCE – Il pubblico ministero Paola Gugliemi ha chiesto il rinvio a giudizio per l’imprenditore agricolo di Nardò Giuseppe Mariano e per il caporale sudanese Mohamed Shaa Eldei, accusati di omicidio colposo e caporalato per la morte di Abdullah Muhamed , bracciante di 47 anni morto di fatica sotto il sole cocente il 20 luglio del 2015 mentre raccoglieva pomodori nelle campagne tra Nardò e Porto Cesareo. La decisione del gup Giovanni Gallo, che stabilirà se i due indagati andranno a giudizio, è attesa per il 27 marzo. Intanto, nella nuova udienza, il giudice ha accolto tutte le richieste di costituzione di parte civile in un eventuale processo: la moglie e la figlia piccola della vittima, la Cigil con l’avvocato Viola Messa, il Cidu, Centro Internazionale Diritti Umani con l’avvocato Cosimo Castrignanò, l’azienda Mutti e la Conserve Italia, cooperativa collegata anche alla Cirio, tra le principali aziende produttrici di salse e conserve, che sostengono di aver subito, nella vicenda, un danno d’immagine. Proprio quell’estate infatti avevano acquistato dall’azienda salentina pomodori per le loro produzioni.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*