La scuola diventa presidio di legalità. A Motta la cittadinanza onoraria di Novoli

NOVOLI- Durante l’interrogatorio, un mafioso che aveva ucciso diverse persone, alla domanda “perché lo hai fatto?”, ha risposto: “perché da piccolo nisciuno mi ha insegnato che cos’era la legalità e ora è troppo tardi”. La presidente del centro antiviolenza Renata Fonte, Maria Luisa Toto, riporta questo episodio per spiegare il perché dell’impegno a entrare nelle scuole. L’istituto comprensivo di Novoli si è fatto “presidio di legalità”: non uno sportello a ore, ma una presenza costante a tutela del giusto. E in mattinata è emersa tutta la forza del parlare ai ragazzi, quelli di terza media, chiamati a incontrare l’ex procuratore capo Cataldo Motta. “Usate il cervello, la scuola serve a questo”, ha chiosato lui nel suo discorso. Non si è in una terra qualunque, c’è consapevolezza di ciò: Novoli ricade tra Monteroni e Campi, dove la Scu è cresciuta, ed è nel pieno del nord Salento che l’ha cullata. Anche per questo il Comune di Novoli ha chiesto a Motta di accettare simbolicamente la cittadinanza onoraria, dopo quella già conferita a Trepuzzi e Squinzano, per rafforzare il cordone. Dentro le scuole, dunque, per formare le coscienze quando ancora lo si può fare. Non a caso è stato ricordato, a mo’ di esempio, che dopo omicidi recenti a San Cesario e a Lecce gli unici a dare indicazioni agli investigatori sui possibili autori sono stati proprio ragazzini di 17 anni. Gli adulti hanno affermato di non aver visto.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*