Riccardi: “Con la sua tenacia Liverani tiene alta l’attenzione”

Davide Riccardi, 21 anni, difensore del Lecce
Ottica Salomi

LECCE – (di Tonio De Giorgi) Dopo il quadro completo dei risultati della venticinquesima giornata e l’aggiornamento della classifica il Catania è più lontano. Il pareggio della squadra di Lucarelli contro il Cosenza stabilisce una nuova distanza tra la squadra giallorossa e i siciliani, staccati ora di sei punti. “C’è una sensazione di sollievo, sicuramente – ammette Davide Riccardi, 21 anni, difensore del Lecce -, ma dovremo continuare a guardare al nostro cammino, partita dopo partita, perché le insidie sono sempre dietro l’angolo”. Un percorso ancora lungo. Alla conclusione della stagione regolare mancano undici partite al netto dei turni di riposo che Lecce e Catania dovranno osservare. Partita dopo partita Liverani cercherà di limitare sempre più quelle disattenzioni che in qualche frangente mette in seria difficoltà la formazione giallorossa. “Anche questa volta  abbiamo affrontato un avversario deciso – afferma -, contro di noi tutti moltiplicano le forze nel tentativo di strappare un risultato positivo. A Bisceglie, per fortuna, siamo andati per primi in vantaggio e poi, dopo il loro pareggio, siamo comunque riusciti di nuovo a trovare il gol del sorpasso. Nel finale c’è stata un po’ di sofferenza, ma ce la siamo cavata anhe con l’ingresso di Legittimo che ci ha permeso di puntellare ancora di più il reparto. Cosa succede? Secondo me, quando andiamo in vantaggio e non riusciamo a prendere alti i nostri avversari badiamo ad abbassare il baricentro rispetto al nostro modo di giocare. Tuttavia non ci manca la compattezza anche nella fase difensiva”. Senza Cosenza squalificato, a Bisceglie l’allenatore giallorosso ha dato fiducia a Riccardi che con Marino ha formato la barriera centrale del settore difensivo. “Con Marino avevo già giocato la prima da titolare  a Matera – ricorda -, e andò bene. . Personalmente, grazie a Liverani sto migliorando tanti aspetti del mio modo di giocare – sostiene -, grazie alla sua tenacia riesce a tenere la squadra attiva e sveglia; l’attenzione, penso, sia una cosa difficile da allenare, ma lui riesce sempre a tenerla alta”. Un’esperienza, quella di Riccardi, che sta contribunedo alla sua crescita in un campionato difficile e in una squadra competititva. All’attivo, per il difensore friulano, già due gol arrivati nelle sue rare proiezioni offensive sulle palle inattive.  “Sui calci d’angolo mi spingo sempre in avanti – conferma -, il mio primo obbiettivo resta quello di difendere la mia porta, poi se viene anche il gol ancora meglio”. Mercoledì pomeriggio, in occasione dei Quarti di Coppa Italia contro il Cosenza potrebbe ancora essere tra i titolari. “Pensiamo a fare bene in Coppa, teniamo a questo torneo e vogliamo qualificarci al turno successivo – precisa -, dopo ci concentreremo sulla Sicula Leonzio, una squadra che sta bene come dimostra la vittoria netta di Catanzaro, ma siamo consapevoli delle nostre possibilità e uniti possiamo fare qualcosa di importante per una piazza importantissima e una grande tifoseria, che non vede l’ora che arrivi il momento atteso da tempo”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*