Nuovo parco eolico a Carpignano, il sindaco di Martano: “ci opporremo con forza”

CARPIGNANO SALENTINO – “Il progetto di parco eolico a Carpignano è incompatibile con la vocazione turistica del territorio. Bisogna fare rete per impedire denitivamente che altri progetti come questo possano approdare qui”. A parlare è Fabio Tarantino, sindaco di Martano. Il suo “no” al progetto è categorico e fa eco all’appello lanciato sulla questione da Paolo Pagliaro, dell’Ufficio di Presidenza di Forza Italia: “bisogna dire no” aveva detto.

Dopo la levata di scudi degli imprenditori, anche i primi cittadini dei comuni limitrofi pensano ad una nuova strategia per tutelare il territorio.

Il parco eolico dovrebbe sorgere, stando al progetto depositato in Provincia dalla società Tozzi Green Spa, in località Limbi, Schifi e Fischietti, al confine con Calimera e Martano, con tanto di opere di connessione da realizzarsi anche in questi due comuni e a Martignano.

La società è già nota nel Salento per aver presentato, tramite società collegate, i progetti di megaeolico a Campi Salentina e Borgagne, e della grande centrale a biomasse a Cavallino. Tutti bocciati.

Stando alla documentazione il parco eolico potrebbe avere dalle 8 alle 10 pale. Ma, come ha ricordato Pagliaro, “nelle vicinanze c’è già un impianto eolico, dal 2008, con sette mastodontiche pale”.

A bocciare il progetto, parlando a nome degli imprendtori del posto, è stato Domenico Scordari, titolare della Natura&Benessere e Naturalis Bio Resort. “A fronte di un’imprendtoria attenta alla tutela e al benessere del territorio, assistiamo a continue minacce di società che rischiano di vanificare ogni sforzo” aveva detto. Nelle prossime ore gli stessi imprenditori si raduneranno e non si escludono azioni di protesta forti.

 

 

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*