Aggressione a Porto Cesareo: i 3 fermati in silenzio davanti al gip

Bastone utilizzato per aggressione

PORTO CESAREO- Hanno scelto di non parlare i tre giovani accusati di aver aggredito e torturato un 33enne di Porto Cesareo. Davanti al gip Cinzia Vergine si sono avvalsi della facoltà di non rispondere durante l’udienza di convalida del fermo, in carcere.

In cella ci sono Kevin Soffiatti, 18 anni; Lorenzo Cagnazzo e Maikol Pagliara, entrambi di 27. I primi due sono di Porto Cesareo, il terzo invece di Arnesano. Sono accusati di lesioni personali aggravate, sequestro di persona e tortura.

La violenta aggressione in un casolare è avvenuta il 29 novembre. La vittima ha riportato una ferita alla testa, lesioni gravi alla mandibola, frattura delle costole e delle dita.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*