Lecce, regolare il gol di Di Piazza contro l’Akragas. Lepore: “A Matera senza timore”

Checco Lepore, capitano del Lecce
Ottica Salomi

LECCE – (di Tonio De Giorgi) Era un gol regolare quello segnato da Di Piazza contro l’Akragas. Le immagini proposte dalla produzione che realizza le partite di Serie C hanno evidenziato, giustamente, la posizione irregolare di Di Piazza al momento della conclusione di Pacilli. L’esultanza dell’attaccante giallorosso è stata subito strozzata dalla bandierina dell’assistente dell’arbitro e dal direttore di gara, Zanonato di Vicenza. Stando, però, al regolamento arbitrale il gol di Di Piazza è regolare perchè sul tiro di Pacilli difensore dell’Akragas interviene, senza efficacia, e determina in pratica un passaggio all’indietro verso il proprio portiere. Ed in simili circostanze Di Piazza, pur trovandosi al di là della linea difensiva avversaria, viene messo in gioco dall’intervento maldestro del difensore. Quindi la sua segnatura è regolare a tutti gli effetti. Zanonato, oltre a non aver concesso al Lecce un sacrosanto rigore (sempre su Di Piazza), ha anche commesso un grave errore insieme al suo assistente non convalidando una rete regolarissima. L’errore è stato rilevato negli ambienti arbitrali. Il pareggio contro l’Akragas ha permesso al Catania, vincendo contro il Siracusa, di ridurre al minimo il distacco dai giallorossi, ora a più uno sui catanesi. “Questo è un campionato difficile, ora la nostra antagonista più immediata è il Catania, ma fra le squadre che potrebbero dare del filo da torcere io terrei in considerazione anche il Siracusa, potrebbe essere la sorpresa di questo girone”, afferma il capitano giallorosso Checco Lepore. Per la capolista Lecce l’esame Matera è uno dei più duri da affrontare in questo momento. La squadra lucana ha infilato quattro vittorie consecutive che l’hanno portata ad occupare la terza posizione in compagnia del Monopoli, a sole tre lunghezze dal Lecce. Il lavoro di Auteri, evidentemente, sta cominciando a dare I propri frutti. “È un tecnico importante per questa categoria, un lusso, mi permetto di dire, e poi ha giocatori di esperienza”. Nella passata stagione c’era pure Armellino, oggi in giallorosso, il quale potrebbe essere una fonte preziosa per l’allenatore del Lecce a cui potrebbe dare consigli utili per le contromosse tattiche della sfida di sabato sera. “Sicuramente qualche indicazione sarà utile al nostro allenatore – spiega -, ma noi comunque andremo per giocare a viso aperto, senza nessuna paura, cercando di imporre il nostro gioco. Dobbiamo ripartire dalla sfida contro l’Akragas in cui abbiamo prodotto numerose palle gol”. In casa lucana tra gli ex della partita ci sarà il brasiliano Angelo che Lepore ha conosciuto in giallorosso. “E’ un uomo vero, abbiamo vinto un campionato di B con il Lecce di De Canio: alla sua età sta dimostrando di poter essere un punto di forza del Matera”. Il Lecce che si presenterà a Matera sarà privo di Cosenza e Drudi, due difensori centrali. Liverani sta lavorando per mantenere la solidità trovata sabato scorso e valuta l’impiego di Ciancio o Riccardi al fianco di Marino. “Chi li sostituirà sarà all’altezza della situazione – conclude -, Stiamo lavorando bene, il mister ci sprona sempre a stare sul pezzo durante l’allenamento. Il nostro compito è quello di servire rapidamente gli attaccanti per attaccare la profondità”. Per il momento il posto di Lepore è ancora sulla fascia destra dove ha ricoperto tutti I ruoli. Anche Liverani lo ha puntato sul calciatore leccese per il ruolo di terzino destro. “Non mi sento condannato a fare il terzino – precisa -, se l’allenatore mi propone lì vuol dire che mi vede bene in quella posizione. E poi mi piace giocare in quella posizione”.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*