Regionale 8, meno impatti e meno spreco: la variante ignorata

LIZZANELLO- Tra tutte le proposte di varianti con cui è stato emendato il progetto della strada regionale 8, così come approvato dalla giunta regionale a giugno, questa è stata da sempre ignorata: è quella relativa al primo tratto, che ad oggi prevede un strada dall’uscita Fondone della tangenziale est di Lecce fino alla rotatoria dei Giardini di Atena, feudo di Lizzanello. Certo, si è passati da quattro a due corsie, ma in che modo? Il Comune di Lizzanello, negli anni scorsi, propose di utilizzare la viabilità già esistente per unire le due vie del Fondone e la Lecce-Vernole,una stradina facilmente allargabile (in giallo nella cartina), visto che comporterebbe pochi espianti di ulivi e pochi problemi con muretti a secco.

Invece? A spiegare quanto si farà è l’ex vicesindaco Gianpiero Marchello: “la nuova sezione (in blu nella cartina, ndr) attraverserà un’area a vincolo paesaggistico”, senza utilizzare, tra l’altro, una ulteriore via interpoderale pure esistente, la Sp1, come da proposta della Soprintendenza.

L’aver classificato l’opera come “strategica” ha consentito di scavalcare diverse questioni. E dunque la nuova arteria, come da progetto, dovrebbe attraversare queste campagne fatte di ulivi, doline, cigli di scarpata. “Non c’erano i tempi per valutare nuove varianti ci è sempre stato detto dalla Regione – dice ora Marchello – ma adesso una variante è stata fatta e quindi perché non valutare anche questa proposta?”.

La questione si riaccende ora che riprendono ad arrivare i provvedimenti di esproprio (nella foto ulivi già classificati per essere espiantati). E si riaccende perché in un altro tratto del progetto una variante è stata accordata:  invece di un asse unico, verrà usata la doppia strada già esistente, ma la soluzione scelta non è quella originariamente proposta dal Comune, comportando con ciò, da un lato, diverse espropriazioni a danno di varie ville e, dall’altro, la necessità di percorre parecchi chilometri per tornare indietro. E dunque, alla fine, la richiesta è chiara: se per questa variante non richiesta il tempo c’è stato, per l’altra, che risparmierebbe ettari di suolo, perché non si potrebbe?

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*