Morte consigliere Benincasa, dalla Procura la richiesta di assoluzione delle imputate

LECCE – Per le due imputate accusate di omicidio colposo in merito alla morte di Carlo Benincasa, il consigliere comunale deceduto il 19 aprile 2011, la Procura ha richiesto l’assoluzione “perchè il fatto non sussiste“. La prossima udienza è stata fissata per il 19 ottobre ed è in quell’occasione che dovrebbe essere emessa la sentenza.

L’accusa di omicidio colposo pende su Sandra Linciano, operatrice del 118 che prestò soccorso a Benincasa e avrebbe sottovalutato la gravità della situazione, e Katiuscia Perrone, infermiera che (sempre secondo l’accusa) non avrebbe prestato un primo intervento adeguato allo stato di salute del consigliere aggravatosi così repentinamente.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*