Ricciato: i calciatori del Lecce facciano i giocatori e non i selfie. Ma la società non ci sta

LECCE – Nel corso della nostra trasmissione “Piazza giallorossa” il Presidente dell’associazione di tifosi “Salento Giallorosso” Antonio Ricciato, ospite, punta il dito contro i giocatori. A suo dire i calciatori del Lecce sarebbero troppo presi dalla bella vita, “sono in giro fino a tarda notte -ha detto- dovrebbero concentrarsi sugli allenamenti. Hanno fatto saltare un allenatore della portata di Roberto Rizzo“.

All’indomani delle dichiarazioni, L’U.S. Lecce non ci sta: con una nota ufficiale la società esprime la propria più ferma condanna.Tali dichiarazioni travalicano ampiamente il diritto di critica -si legge- e ledono la professionalità dei calciatori nei quali l’U.S. Lecce ripone la massima fiducia. La società ed i suoi tesserati accettano ogni critica a condizione che non si oltrepassi il limite del reciproco rispetto e non si violino le regole della sana dialettica. Espressioni quali “a Foggia hanno vinto il campionato perché i tifosi sono saliti sul pullman della squadra” offendono la civiltà dei tifosi giallorossi -continua la società- ed è inaccettabile, e ancora più grave, che siano proferite durante una trasmissione televisiva. Chi si arroga il diritto di incitare a simili azioni si assuma le proprie responsabilità, sia morali che, ove ne ricorrano i presupposti, quelle perseguibili in sede legale“.

 

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*