Lecce, Rizzo si dimette, la società prova a trattenerlo. Ora la tifoseria sogna Cosmi

Serse Cosmi, 59 anni, allenatore
Ottica Salomi

LECCE – (di Tonio De Giorgi) Appena tre partite e Roberto Rizzo non è più l’allenatore del Lecce. Non per decisione della società leccese, ma personale. Nel pomeriggio con una nota sul sito ufficiale della società giallorossa ha comunicato la propria decisione. Seppur sofferta, è irrevocabile, nonostante i vari inviti da parte della società a ripensarci – ha scitto l’ormai ex tecnico giallorosso -. Ho deciso di rassegnare le dimissioni dalla guida tecnica della prima squadra, dettate esclusivamente da motivi personali. Al presidente Saverio Sticchi Damiani e alla società tutta rivolgo il mio ringraziamento per il supporto datomi in questi mesi, a tutta la squadra va un abbraccio sentito, augurando al Lecce le migliori fortune per la prosecuzione del campionato. Per ultimo, ma non per ordine di importanza – conclude -, la mia riconoscenza verso i tifosi giallorossi, che non hanno mai mancato di far sentire il loro calore e attaccamento anche in questo mio ultimo periodo di lavoro.” E in serata la società giallorossa, sempre sul proprio sito ufficiale, ha ringraziato l’allenatore: “l’U.S. Lecce esprime il proprio rammarico per le dimissioni irrevocabili rassegnate dal Sig. Roberto Rizzo da responsabile tecnico della prima squadra. Nonostante la piena fiducia della Società nel lavoro del tecnico e i numerosi tentativi di farlo desistere dalle dimissioni si prende atto che tale decisione è motivata esclusivamente da ragioni personali. L’US Lecce ringrazia il Sig. Rizzo per il lavoro fin qui svolto e gli augura i migliori successi professionali”. L‘allenatore di San Cesario subentrò a Padalino (ancora sul libro paga della società giallorossa) e debuttò a Pagani l 30 aprile scorso per la 37^ giornata di campionato con il Lecce ormai condannato ai play off. Rimanevano due partite e la stagione si chiuse senza vittorie: due 1-1 contro Paganese e Fidelis Andria. Ai play off la corsa del Lecce si fermò ai quarti finale contro l’Alessandria e dopo la lotteria dei rigori. Incassata la conferma da pare della società leccese, la nuova stagione si è aperta con il pareggio di Brindisi contro la Virtus Francavilla, con la vittoria sul Trapani e con la sconfitta di Catania. Il capolinea per Roberto Rizzo che toglie il disturbo e saluta tutti.  E il toto allenatore si è scatenato subito. Caccia al tecnico che raccoglierà il testimone di Roberto Rizzo. Il telefono del direttore sportivo Meluso è bollente. E’ caccia al tecnico che deve dare una scossa alla squadra. Si cercherà un allenatore che possa esaltare, con il proprio modulo le caratteristiche dei calciatori in rosa, o con le caratteristiche dei giocatori in squadra cucire il modulo più funzionale. I nomi? Da Vincenzo Torrente (ex Bari) a Giancarlo Favarin ( nella passata stagione alla Fidelis Andria). Da Fabio Brini a Luca Prina, oppure Giorgio Roselli e Domenico Toscano. Tra i disoccupati ci sono pure Roberto De Zerbi e Piero Braglia mentre buona parte della tifoseria sogna il ritorno di Serse Cosmi, ma la richiesta dell’allenatore potrebbe indurre la società verso altri allenatori. Sempre che…

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*