Tra silenzio e delusione, il risveglio amaro di Sogliano dopo il blitz

SOGLIANO CAVOUR- Il giorno dopo il blitz, che ha spezzato il dominio dei Coluccia, con l’arresto di 37 persone, tra cui l’ex vicesindaco Luciano Biagio Magnolo, a Sogliano Cavour continua a regnare il silenzio. Tutti preferiscono ancora tacere davanti all’evidenza, preferiscono continuare con quello stesso silenzio con cui sono stati coperti, così come documentato dalle indagini, diversi episodi di rapina, furti, droga, estorsioni.  Nessuna denuncia, nessuna voglia di dire, sembra che si abbia solo voglia di continuare a far finta di non sapere…forse per paura

Ma poi c’è chi vorrebbe parlare, ma si frena…e chi, puntando il dito contro l’arresto dell’ex vicesindaco, accusato di assicurare posti di lavoro al clan e sussidi alle famiglie degli affiliati, parla di una politica ormai d’interesse, che cade nei tunnel della malavita, in compromessi inopportuni…Si tratta di un ex assessore di Sogliano, che tanto ha fatto ai suoi tempo e che oggi vede crollare un impero di certezze, di lavoro e onestà…

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*