Potì scrive al Prefetto: “Il nostro territorio militarizzato”

MELENDUGNO-Scrive al prefetto di Lecce, Claudio Palomba, il Sindaco di Melendugno Marco Potì: “Vorrei portare alla sua cortese attenzione la situazione eccezionale che sta vivendo il mio territorio da un po’ di tempo ed in particolare in questi ultimi giorni. Il signor Questore di Lecce, dott.Leopoldo Laricchia, dopo aver ordinato le azioni di “protezione” dei lavori di Tap per lo spostamento degli ulivi e sistemazione in serre (illegittimi?), aver ordinato servizi h.24 di protezione di siti, mezzi ed uomini di Tap, aver notificato centinaia di sanzioni a cittadine e cittadini che manifestavano quelle sere il proprio dissenso  ha ordinato di intensificare nel territorio di  Melendugno e San Foca un’azione di controllo profonda, quasi ossessiva, per ogni movimento o iniziativa in corso. Una presenza assillante, senza interruzione. Anche verso tanti increduli turisti, benvenuti ospiti della nostra terra., da sempre accogliente ed ospitale.Continui pattugliamenti, posti di blocco, richieste di identificazione In poche parole, lui o chi per lui, ha scelto di MILITARIZZARE la nostra area. Chiediamo pertanto a sua Eccellenza di voler trasferire al Questore di Lecce il nostro profondo dissenso.Per questi motivi, come per continuare ad esprimere il dissenso di tante comunità verso questa opera inutile e imposta, INVITO TUTTI I COLLEGHI SINDACI DEL SALENTO ED I CITTADINI a partecipare il 13 agosto a San Foca, alla manifestazione per sensibilizzare ed informare”.

 

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*