Lecce, stretta per Ledesma: sì o no

LECCE – (di Tonio De Giorgi) Sono passate poco più due settimane dell’apertura del calciomercato, ma il Lecce ha solo bisogno di qualche ritocco. Nel ritiro di Lorica, in provincia di Cosenza, dove il Lecce lavora da venerdì, il tecnico Roberto Rizzo attende un rinforzo per il centrocampo. Chi arriverà sarà un giocatore di prima fascia, che possa dare qualità al reparto mediano. Il nome che circola da settimane è quello di Cristian Ledesma. Il centrocampista argentino che compirà 35 anni potrebbe chiudere la carriera dove iniziò quando era poco più di un ragazzino e dove incrociò sulla propria strada Roberto Rizzo oggi alla guida della prima squadra giallorossa. All’allenatore giallorosso il centrocampista argentino, che ha visto crescere, non dispiace. È un profilo che può esaltare il gioco della propria squadra e garantire quelle caratteristiche che l’argentino possiede. Inoltre è un calciatore che ha esperienza da vendere e, sia pure in un campionato duro e fisico come la Lega Pro, saprà esaltarsi per una squadra che lo lanciato nel calcio che conta. I contatti con l’entourage dell’argentino ci sono già stati. Se tutto fila liscio l’accordo potrebbe chiudersi sulla base di un contratto annuale con rinnovo automatico per la stagione successiva in caso di promozione in serie B. L’ingaggio per l’ex capitano della Lazio dovrebbe essere tra i più alti pagati dalla società di Sticchi Damiani considerato anche lo spessore del calciatore che ha trascinato nella passata stagione, da gennaio a maggio, la Ternana verso la permanenza in serie B. L’arrivo di Ledesma andrebbe ad occupare un posto tra i giocatori over in squadra. Pertanto, potrebbe essere ceduto un altro giocatore, sempre over, ma non è così scontato. L’ingaggio di Ledesma non comporta necessariamente la partenza di Arrigoni, un calciatore simile all’argentino e che con Rizzo ha dato segnali importanti come ha dichiarato lo stesso tecnico giallorosso prima della partenza per il ritiro calabrese. Almeno altri due giocatori sarebbero in partenza: Nando Vitofrancesco e Giuseppe Agostinone, entrambi foggiani. Il primo, arrivato ad inizio stagione, non ha trovato continuità mentre il secondo, ingaggiato a gennaio e voluto fortemente dall’ex tecnico Padalino, ha deluso le attese. Una altro giocatore con la valigia pronta sembra essere Sergio Contessa rientrato dal prestito alla Reggiana. Nel ruolo di terzino sinistro Rizzo ha avuto Di Matteo e, in caso di necessità, può adattare Simone Ciancio. Da qui la necessità di cedere Contessa, che libererebbe un posto over. Ma il ragionamento vale anche per Vitofrancesco e Arrigoni. Non per Doumbia. L’attaccante, secondo il nuovo regolamento, poteva essere considerato il calciatore bandiera, ma il parigino ha chiesto di essere ceduto e la dirigenza cercherà di accontentarlo. Intanto non è stato neppure convocato per il ritiro di Lorica in attesa di una sua cessione. Per tornare agli arrivi, l’ultimo in or dine di tempo è quello di Riccardi, centrale difensivo mancino under. Il calciatore, classe ’96, di proprietà dell’Hellas Verona, nella passata stagione, da gennaio, ha giocato con il Sudtirol nel girone B di Lega Pro.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*