Vitali: Caro Caroppo il tuo candidato ha preso 50 voti

LECCE- Il presidente del gruppo di Fi alla regione Puglia Andrea Caroppo, parla della sconfitta alle amministrative Leccesi e non usa mezzi termini: “il centrodestra vince in tutta Italia tranne che nella terra dell’ex ministro Fitto e del suo cerchio magico. I vertici di FI sono corresponsasili di una debacle della quale li avevo personalmente avvertiti”. L’On Luigi Vitali, coordinatore regionale del partito, gli risponde: la candidatura di Giliberti era l’unica che avrebbe mantenuto il centrodestra unito. Le persone indicate da Caroppo quali possibili candidati, hanno declinato. Facile parlare così adesso, aggiunge.

Per Paolo Pagliaro, dell’Ufficio di Presidenza Nazionale di Forza Italia “la candidatura di Mauro Giliberti è stata la migliore possibile. Proprio questa candidatura, condivisa da tutto il nostro partito con più passaggi in più direttivi provinciali, ha permesso al centrodestra di trovare l’unità seriamente compromessa da vari personalismi rischiando di implodere su se stesso. Giliberti è stato straordinario, è riuscito a unire tutti intorno a sé. Questa sconfitta non è assolutamente addebitabile a Forza Italia che ha combattuto una battaglia straordinaria ottenendo un buon risultato con una lista formata per l’ottanta per cento da persone nuove, giovani e della società civile, ai quali va tutto il mio apprezzamento, così per proseguire nel solco del rinnovamento voluto dal Presidente Berlusconi; questo è stato possibile grazie al lavoro meticoloso che abbiamo fatto insieme al nostro coordinatore Luigi Vitali ed a tutti i dirigenti. Ovviamente serve un’analisi politica interna – conclude Pagliaro – senza che nessuno, però, specialmente chi non si è impegnato fattivamente, in maniera ingenerosa e ingiusta punti il dito contro nessuno, perché questa non è una sconfitta di Forza Italia ma di altri ed è un segnale forte che gli elettori hanno dato proprio alla politica vecchia e stantia che ha paura di rinnovarsi negli uomini, nell’anima e nello spirito”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*