Troppi detenuti ricoverati in ospedali esterni: il Sappe scrive al Prefetto

LECCE – “Nel carcere di Lecce i ricoveri di urgenza dei detenuti presso i presidi ospedalieri esterni stanno aumentando in modo preoccupante“. A dichiararlo è la segreteria regionale del SAPPE, sindacato autonomo polizia penitenziaria.

La preoccupazione non deriva dai ricoveri -si legge nella nota del sindacato- poiché se un detenuto sta male e non può essere curato in carcere, è d’obbligo ricorrere a strutture ospedaliere, ma dal fatto che su circa 280 ricoveri d’urgenza, solo 4 sarebbero codici rossi e 40 gialli mentre i restanti sarebbero verdi e bianchi.

Il dato è preoccupante poiché far uscire di sera pericolosissimi detenuti con pochissimo personale di scorta, stante la carenza di unità, comporta rischi concreti alla sicurezza dei poliziotti e della collettività“.

Il Sindacato, tramite una lettera, ha portato la questione all’attenzione del Prefetto. La faccenda è balzata più volte agli onori della cronaca: nel novembre 2015 Fabio Perrone, l’ergastolano salentino noto come “Triglietta” riuscì ad evadere durante una visita medica all’ospedale Vito Fazzi di Lecce.

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*