La Salute mentale diventa una storia da (docu)film

LECCE- La Salute mentale diventa una storia da (docu)film, ossia quella immaginata da Santo Rullo, psichiatra impegnato nella Società Italiana di Psichiatria Sociale, in “Crazy for football”. Il film è stato proiettato al Multisala Massimo e racconta la storia di 12 pazienti psichiatrici diventati prima la Nazionale italiana di calcetto e poi campioni del mondo a Tokyo. Un progetto ripreso dalla telecamera del regista Volfango De Biasi e trasformato in un racconto dal vero, il docufilm appunto, premiato con il David di Donatello 2017.

«“Crazy for football” – ha detto Serafino De Giorgi, direttore del DSM ASl Lecce – è una magnifica impresa, allo stesso tempo sportiva e scientifica». «Questa capacità di interagire, forte e presente, ci predispone – ha aggiunto il direttore generale Silvana Melli – a continuare in questo sforzo e ad impegnarci affinché l’inclusione sociale diventi un valore da studiare e da inserire nei percorsi scolastici perché dobbiamo capire quanto veramente il “diverso” è diverso e graduare gli interventi in questo settore. E sforzarci di rendere visibile l’impegno dei Centri di Salute Mentale che operano sul campo».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*