Piccoli giornalisti sportivi crescono. Nel nome di Sergio Vantaggiato

LECCE- Cerimonia di premiazione per il 9° Premio ‘Giornalista per un giorno’ Sergio Vantaggiato. Nell’auditorium del Liceo Scientifico Sportivo ” F. Calasso” a Lecce tanti ragazzi hanno ricevuto un riconoscimento per aver partecipato al concorso organizzato dal Panathlon Club, con il Patrocinio e la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale di Lecce, della Provincia di Lecce e dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia.
Al concorso hanno partecipato 107 studenti delle Scuole Superiori della provincia di Lecce. Hanno scritto degli articoli sul mondo dello sport, che sono stati valutati dalla speciale Commissione composta da Angelo Sabia, Paola Bisconti, Antonio Vantaggiato, Carmelo Guido, Ludovico Malorgio.
I primi tre classificati hanno ricevuto borse di studio di 500, 300 e 200 Euro, finanziate dall’Amministrazione Comunale di Cavallino, Unione Sportiva Lecce, Azienda Quarta Caffè e Impresa Edile Leo Constructions.
Il premio nasce in memoria di Sergio e porta il suo nome. Sono passati dieci anni dalla scomparsa del nostro collega, giornalista sportivo di TeleRama, morto in una stazione della metropolitana di Parigi, ucciso da scippatori rimasti senza volto. Alla cerimonia hanno preso parte la moglie di Sergio e il figlio Martino.
Nelle parole dell’editore Paolo Pagliaro, un ricordo commosso di quando, nel 1991, Sergio superò tre selezioni, “Nonostante la erre moscia e l’aspetto non convenzionale per la TV. Capimmo subito il suo straordinario talento e le sue qualità umane. Sergio Vantaggiato, l’amico, l’uomo e straordinario professionista sportivo, amatissimo come nessun altro dalla tifoseria leccese. Abbiamo condiviso la nostra strada per 16 anni a TeleRama, fino al triste giorno che ce l’ha strappato. 10 anni senza la sua cronaca semplice, rigorosa, impeccabile, appassionata. Insostituibile.
Passano gli anni, ma la mancanza dei grandi come lui si sente come se fosse ieri”. E per questo ha invitato i ragazzi a studiare Sergio, ad approfondire il suo modo di fare il mestiere più bello del mondo, a prenderlo come modello.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*