Investita sulle strisce mentre accompagnava il figlio a scuola, non ce l’ha fatta

QuattroStelle

LECCE – Aveva fatto scudo, con il suo corpo, al figlio. Erano stati travolti da un’auto mentre attraversavano la strada sulle strisce pedonali, alle 8,00 del mattino, diretti a scuola. Non ce l’ha fatta Zaira, giovane mamma leccese. È spirata dopo poco più di un mese da quel terribile incidente avvenuto il 7 aprile in viale Giovanni Paolo II, viale dello Stadio, nei pressi della chiesa S. Massimiliano Kolbe.


Quella mattina una Dacia Sandero bianca è sopraggiunta all’improvviso, investendo mamma e figlio di 11 anni. Alla guida una donna di 35 anni. È stata lei a soccorrerli per prima e, insieme ad altri passanti, è stato chiamato il 118. I due feriti furono portati immediatamente in ospedasle, lei in prognosi riservata, il bambino con ferite e contusioni.

Sul luogo dell’incidente è intervenuta la Polizia locale, per ricostruire la dinamica, per capire come sia andata e come mai la donna alla guida dell’auto non si sia accorta delle due persone che attraversavano sulle strisce. Fino a poche ore fa Zaira era in Terapia intensiva, ma pare che negli ultimi giorni avesse dato segnali di ripresa. E poi è accaduto l’imprevedibile, non ce l’ha fatta.

Tutta la comunità si stringe al dolore della famiglia e del bimbo. La loro parrocchia, San Massimiliano Kolbe, ha annullato i festeggiamenti civili in occasione della Medaglia Miracolosa e si unisce in preghiera.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*