Approdi marini per velivoli, il Salento tenta la carta del turismo aereo da diporto

GALLIPOLI- Non solo porti per imbarcazioni, ma anche scali marini per velivoli leggeri. Il Salento ci prova, puntando a diventare “il principale polo d’attrazione europeo per l’avioturismo”, attraverso la realizzazione di una rete di idrobasi e avioresort aperta al turismo aereo da diporto.
L’avvio di un progetto-pilota in Puglia sarà presentato a Gallipoli nel fine settimana, durante il secondo Convegno nazionale “Idrobasi e Avioresort in Italia”.
“Lo scopo principale del progetto-pilota è di promuovere l’uso delle aviosuperfici private e degli approdi marini come ‘scali avio turistici’ per il diporto aereo nazionale e internazionale”, spiega Orazio Frigino, presidente dell’Aviazione Marittima Italiana, che ha organizzato il convegno. “Lavoreremo – continua – per l’individuazione di fondi europei, come è stato già fatto per sostenere gli agriturismi e il diporto nautico”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*