Maxi furto nel vivaio, seguendo le foglie i militari recuperano la refurtiva

SURANO- Seguono le foglie disseminate per terra e scoprono dove era stata nascosta la merce rubata. Così i carabinieri hanno risolto il caso del furto che, a primo acchitto, è sembrato un “lavoretto coi fiocchi”: nessuna impronta, nessuna traccia o altro dettaglio utile per risalire a chi, nella notte, alcuni giorni, ha letteralmente svaligiato un vivaio di Surano, lungo la statale 275.  Eppure, era stato forzato il cancello d’ingresso che si affaccia proprio sull’arteria più trafficata della provincia e, utilizzando due autocarri della stessa ditta muniti di braccio sollevatore, i malviventi avevano asportato piante ed arbusti di vario genere, alcuni dei quali particolarmente costosi.

Un bottino dal valore complessivo di oltre 30mila euro. A correre in aiuto dei carabinieri della stazione di Nociglia, che hanno svolto le indagini assieme ai colleghi della compagnia di Maglie, le uniche piccolissime tracce lasciate dai ladri, il fogliame lasciato lungo i margini delle strade nonché dei limoni che potevano evidentemente essere caduti da alcune delle piante portate via. Al setaccio anche le immagini degli impianti di videosorveglianza della zona.  È seguendo le foglie, però, che i militari sono riusciti a scovare il nascondiglio della refurtiva, tra le campagne di Taurisano, in una zona difficilmente raggiungibile ed assolutamente ben occultata. Nel corso del controllo all’interno del terreno agricolo, oltre alle 60 piante rubate ed attrezzature finalizzate allo scasso, sono stati rinvenute anche tre pompe per irrigazione ed una autovettura Volkswagen Fox, tutto provento di furti commessi a Gagliano del Capo e Salve pochi giorni prima. Tutta la refurtiva è stata recuperata e restituita agli aventi diritto.  Contestualmente è stato denunciato a piede libero per ricettazione G.G., 40 anni, di Casarano, che aveva la materiale disponibilità del terreno, effettivamente di proprietà di una 53enne di Taurisano. Le indagini proseguono per l’identificazione dei materiali autori del furto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*